Taggato: Russia

Eugenio Corti

A dieci anni dalla morte di Eugenio Corti, l’attualità culturale e politica de Il Cavallo rosso

La notte di Natale del 1942 Eugenio Corti, Sottotenente di artiglieria (trentacinquesimo corpo d’armata, in ritirata dal fronte del Don), vive il momento più drammatico della sua esistenza: è certo che la fine sia vicina. Allora fa una grande promessa alla Santa Vergine, cui era devotissimo: se mi concedi di tornare a casa, io informerò tutta la mia vita al secondo versetto del Paternoster, diventerò scrittore per il regno, per la gloria di Dio! Da quella notte fino alla morte, avvenuta il 4 febbraio 2014, la scrittura è diventata la sua vocazione e il suo mestiere

Il cavallo rosso - edizione francese

Il cavallo rosso di Eugenio Corti

Grazie Corti, per la tua rappresentazione spassionata di russi e tedeschi, di italiani del Sud e del Nord; tanto lontana dalla faziosità e dalle imbecillità della cultura ufficiale.

I più non ritornano

I più non ritornano

Siamo vissuti per più di un secolo esaltandoci e commovuendoci alla storia e alla leggenda del disastro della Beresina e della famosa ritirata. Dopo aver letto questo tremendo libro, quel lontano episodio di guerra non diventa, no, insignificante, ma si riduce molto nelle sue proporzioni.