Eugenio Corti, lo scrittore del Regno: dal particolare all’universale